22 Giugno 2020 Exporium Team 0Comment

Cosa sono e che ruolo hanno nel commercio internazionale del 2020

Incoterms è la contrazione di International Commercial Terms: l’insieme di normative del diritto dei trasporti in cui si regolamentano gli obblighi dei soggetti coinvolti. Vengono revisionati ogni 10 anni dalla International Chamber of Commerce (ICC) col fine di mantenerli costantemente aggiornati con le relative pratiche commerciali e l’ultima versione è quella dell’anno in corso: il 2020.

Sostanzialmente gli Incoterms rappresentano formule contrattuali sintetiche che hanno lo scopo di promuovere una uniformità nella negoziazione e nella interpretazione dei contratti di vendita, attraverso una precisa definizione e disciplina delle principali clausole tipiche della compravendita internazionale.

Viene in questo modo regolamentato il contenuto delle obbligazioni poste a carico del venditore e del compratore limitatamente alle modalità di consegna dei beni, al regime di trasferimento delle spese e dei rischi di trasporto, alla ripartizione di spese e oneri doganali e all’eventuale obbligo del venditore di fornire una opportuna copertura assicurativa della merce in fase di trasporto.

I contraenti che desiderassero avvalersi di tale regole dovranno esplicitamente farne richiamo al momento della redazione del contratto precisando l’edizione di riferimento.

Gli Incoterms sono sempre stati suddivisi secondo la lettera iniziale dell’acronimo che costituisce un gruppo con caratteristiche comuni.

Esistono quattro gruppi: E, F, C, D.

Il gruppo E contiene il solo termine Ex Works (EXW) e in questo gruppo il venditore deve mettere a disposizione del compratore i propri locali mentre quest’ultimo si occupa di trasportare la merce, a proprio rischio e spese, fino a destinazione.

Nel gruppo F il venditore è obbligato a consegnare la merce al vettore nominato dal compratore, mentre quest’ultimo stipula il contratto di trasporto, sopportandone tutte le spese e i rischi fino a destinazione. Il gruppo F presenta tre termini: FCA (Free Carrier), FAS (Free Along Side), FOB (Free On Board).

Nel gruppo C il venditore sostiene gli oneri ma non i rischi di trasporto per cui sarà indicato un punto esatto che dovrà essere raggiunto dal venditore a sue spese e un altro preciso punto oltre il quale il compratore si assume il rischio di danneggiamento. Questo gruppo presenta quattro termini: CFR (Cost and Freight), CPT (Carriage Paid to), CIF (Cost Insurance and Freight), CIP (Carriage, Insurance Paid to).

Infine nel gruppo D il venditore deve stipulare il contratto di trasporto e sopportare tutte le spese e i rischi per il trasferimento della merce fino al luogo convenuto per la consegna al compratore. Contiene tre termini: DAP (Delivered At Place), DPU (Delivered At Place Unloaded), DDP (Delivered Duty Paid).

Questi raggruppamenti rispondono a due criteri fondamentali: il luogo in cui avviene la consegna dei beni e il soggetto che assume l’obbligo di concludere il contratto di trasporto con relativa assunzione o meno di spese e rischi relativamente al trasferimento della merce a destinazione.

Risulta quindi significativa l’individuazione del “point of delivery” cioè del momento in cui si perfeziona l’adempimento dell’obbligazione di consegna dei beni, rilevante per identificare il trasferimento di costi e rischi tra i soggetti, indipendentemente dal momento in cui si realizza il passaggio di proprietà dei beni.

Il Team di Exporium

Ti piacciono i nostri articoli? Sei interessato ad Exporium? Iscriviti alla nostra newsletter!


English version


The Incoterms

What they are and what role they play in international trade in 2020

Incoterms is the contraction of International Commercial Terms: the set of transport law regulations which govern the obligations of the parties involved. They are reviewed every 10 years by the International Chamber of Commerce (ICC) with the aim of keeping them constantly updated with their commercial practices and the latest version is that of the current year: 2020.

Substantially the Incoterms represent concise contractual formulas that have the purpose of promoting uniformity in the negotiation and interpretation of sales contracts, through a precise definition and discipline of the main clauses typical of international sales.

In this way the content of the obligations borne by the seller and the buyer is regulated limitedly to the methods of delivery of the goods, the regime of transfer of expenses and transport risks, the division of customs costs and expenses and the possible obligation of the seller to provide appropriate insurance coverage of the goods during transport.

Contractors who wish to make use of these rules must explicitly refer to them when drafting the contract, specifying the reference edition.

Incoterms have always been divided according to the initial letter of the acronym which constitutes a group with common characteristics.

There are four groups: E, F, C, D.

Group E contains the only term Ex Works (EXW) and in this group the seller must make the premises available to the buyer while the latter takes care of transporting the goods, at their own risk and expense, to their destination.

In group F, the seller is obliged to deliver the goods to the carrier appointed by the buyer, while the latter stipulates the transport contract, bearing all costs and risks to the destination. Group F has three terms: FCA (Free Carrier), FAS (Free Along Side), FOB (Free On Board).

In group C the seller bears the charges but not the transport risks for which an exact point will be indicated that must be reached by the seller at his expense and another precise point beyond which the buyer assumes the risk of damage. This group has four terms: CFR (Cost and Freight), CPT (Carriage Paid to), CIF (Cost Insurance and Freight), CIP (Carriage, Insurance Paid to).

Finally in group D the seller must stipulate the transport contract and bear all the costs and risks for the transfer of the goods to the agreed place for delivery to the buyer. It contains three terms: DAP (Delivered At Place), DPU (Delivered At Place Unloaded), DDP (Delivered Duty Paid).

These groupings meet two fundamental criteria: the place where the delivery of the goods takes place and the person who assumes the obligation to conclude the transport contract with the relative assumption or not of costs and risks relating to the transfer of the goods to their destination.

The identification of the “point of delivery” is therefore significant, ie the moment in which the fulfillment of the obligation to deliver the goods is perfected, relevant for identifying the transfer of costs and risks between the subjects, regardless of the moment in which it takes place the transfer of ownership of the goods.

The Exporium team

Do you enjoy our articles? Are you interested in Exporium? Sign up to our newsletter!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *